(L) La Testimonianza di Gesù risorto. È solo nella gratitudine che si conosce veramente

PDFStampaEmail
«Fides quaerit, intellectus invenit / la fede domanda, l'intelligenza riconosce».
Sant'Agostino, De Trinitate XV
Valutazione: 5/5
Prezzo:
Prezzo di vendita: 16,00 €
Descrizione

La testimonianza di Gesù risorto. È solo nella gratitudine che si conosce veramente

Autore: Giacomo Tantardini

Edizioni Monache Agostiniane, Siena 2014

Presentazione del cardinale P. Grech o.s.a.

Formato: 210x145 mm

Pagine: 240

 

*Le spese di spedizione per l’acquisto da 1 a 6 libri sono di 6, 30 + IVA oltre i 100 € di acquisto sono gratuite

 

Invito alla lettura

«Tutto quello che abbiamo detto (e cioè che l’uomo può riconoscere il Creatore e può riconoscere la voce della coscienza e la legge naturale, ma che nella condizione attuale questo riconoscimento di fatto è difficile e con errori, e di conseguenza sono necessarie la grazia e la rivelazione perché il Creatore sia riconosciuto con facilità da tutti e senza errori), tutto questo è stato detto per evidenziare che Gesù Cristo ci è necessario. Abbiamo parlato della conoscenza naturale di Dio e della ferita del peccato originale per rendere più evidente che la grazia di Gesù Cristo è necessaria alla vita». Giacomo Tantardini

«Per capire meglio la complementarità tra fede e ragione, tra filosofia e teologia, temi così cari a Papa Benedetto XVI, non c’è miglior modo che leggere questo libro.

Le monache agostiniane di Lecceto, con la pubblicazione del presente volume, hanno voluto tenere viva la memoria dell’autore, Giacomo Tantardini, accolto nelle braccia di Cristo due anni fa.

Esso contiene gli appunti di un corso tenuto nella Facoltà Teologica San Bonaventura del Seraphicum a Roma nell’anno accademico 2008 – 2009.

La tesi principale dell’autore è che con la ragione umana è possibile conoscere il Creatore e scoprire la sua legge dentro la nostra coscienza. Tutto sarebbe andato bene se non fosse intervenuto il peccato originale che ferisce sia l’intelligenza umana sia la libertà della nostra volontà. Per guarire questa ferita è necessaria l’illuminazione dell’intelletto per mezzo della rivelazione divina, che culmina in Gesù Cristo, come anche il rafforzamento della nostra volontà perché possiamo alzarci all’altezza della volontà divina.

È l’Incarnazione - Morte - Risurrezione di Cristo che ci ottiene l’aiuto di Dio, e il Risorto ce lo comunica attraverso il suo Spirito.

Per svolgere, tappa per tappa, questo argomento Giacomo Tantardini si appella a filosofi e teologi come Gilson, de Lubac, Ratzinger, von Balthasar, Del Noce, Maritain e Giussani. Però, l’autore fa rivivere i suoi santi padri preferiti, Ireneo e Agostino, facendo una profonda e chiara esegesi di passi scelti di queste due colonne della patristica. Il lettore si accorge del pensiero di S. Tommaso in ogni pagina.

Una lettura attenta di questo libro risveglia in noi il senso della philosophia perennis».   Cardinale Prospero Grech o.s.a.

 

 

Recensioni

Domenica, 15 Febbraio 2015
Veramente bello: nutre e la mente e il cuore! Grazie...
Emma